Valaris – Chapter 11-

Spread the love

Facendo seguito al post di qualche giorno fa, dove si avvertiva dei rischi connessi agli investimenti nel settore energy…ecco il caso Valaris.


Valaris, società con sede a Londra, fondata nel 2019 dalla fusione di Ensco Plc e Rowan Companies Plc., che possiamo definire la più grande proprietaria di piattaforme offshore al mondo per dimensioni della flotta, con le sue 16 navi da trivellazione, 12 semisommergibili, 54 jack-up e due unità adibite alle trivellazioni in acque profonde. Questa società, al pari delle sue rivali, la Noble Drilling e la Diamond Offshore, ha richiesto presso il Tribunale Fallimentare degli Stati uniti, per il distretto meridionale del Texas, l’attivazione del “Chapter 11”, una domanda di ristrutturazione finanziaria prevista dalla normativa USA, che consente alle aziende di continuare ad operare mentre ristrutturano il loro debito.



La Pacific Drilling SA, all’inizio di questo mese, ha detto che potrebbe tornare al tribunale fallimentare per la seconda volta in meno di tre anni, e la Transocean Ltd., il più grande proprietario al mondo di piattaforme petrolifere in acque profonde, ha detto che sta esplorando alternative strategiche.
L’industria offshore è in difficoltà da quando, nel 2016, il prezzo del petrolio è sceso a meno di 30 dollari al barile, dopo aver superato i 100 dollari a metà del 2014! Anche se attualmente le trivellazioni in acque profonde sono meno costose dell’epoca, richiedono ancora molto tempo per essere operative, rispetto ai pozzi di scisto a terra e, in genere, sono più costose, lasciandole in una posizione di svantaggio in questo periodo in cui, causa Covid, tutto il mercato del greggio è crollato

La Valaris è stata colpita dagli effetti combinati della pandemia globale COVID-19, del calo dei prezzi del petrolio e della diminuzione della domanda di servizi con il crollo delle tariffe delle piattaforme.
Tom Burke, Presidente e Amministratore Delegato di Valaris, ha dichiarato: “La sostanziale flessione del settore energetico, esacerbata dalla pandemia COVID-19, ci impone di fare questo passo per creare un’azienda più forte in grado di adattarsi alla prolungata contrazione del settore e di continuare a migliorare la nostra posizione man mano che le condizioni generali del mercato miglioreranno”.
Burke ha continuato: “Abbiamo fatto diversi passi per dimensionare e razionalizzare la nostra organizzazione, in linea con il nostro obiettivo di essere  leader nei costi di trivellazione offshore. Ora,intendiamo utilizzare questa ristrutturazione per creare una struttura finanziaria più forte per la società. Valaris continuerà a servire i nostri clienti ininterrottamente grazie a questo processo, offrendo operazioni sicure e affidabili, con la sua flotta di piattaforme di perforazione ad alta capacità.”.
Burke ha concluso: “Apprezziamo il continuo supporto di tutti i nostri investitori durante questo processo, in particolare dei nostri dipendenti che continuano a fornire un servizio eccellente ai nostri clienti in condizioni di mercato difficili, pur mantenendo i valori Valaris di integrità, sicurezza, eccellenza, rispetto, ingegnosità e gestione aziendale”.
A partire da maggio, l’azienda impiegava 5.800 persone in tutto il mondo.
Ad aprile ha annunciato che avrebbe tagliato fino a 330 posti di lavoro a seguito della crisi, ma non ha rivelato ulteriori tagli previsti.
Burke ha inoltre dichiarato di aver stipulato accordi con circa il 50% dei suoi creditori per sottoporsi “a una ristrutturazione finanziaria che ha lo scopo di ridurre sostanzialmente il suo carico di debito, sostenere la continuità delle operazioni durante l’attuale contesto di minore domanda e fornire una solida piattaforma finanziaria per trarre vantaggio dalla ripresa del mercato nel lungo termine”.
E’ comunque impaziente di lavorare con gli altri creditori e investitori che non hanno firmato gli accordi previsti dalla procedura “Chapter 11”.
I risultati del primo semestre, che si sono conclusi il 30 giugno, hanno mostrato perdite per 4,28 miliardi di dollari, al lordo delle imposte, con un debito totale a lungo termine di 6,6 miliardi di dollari.
Tuttavia, Valaris ha dichiarato di essere “fiducioso” di “operare  e di mantenere il normale svolgimento degli affari” avendo 675 milioni di dollari di liquidità.
“I nostri clienti non dovrebbero subire interruzioni dei servizi durante questo processo. I nostri contratti rimangono intatti e funzioneremo come al solito. Il processo di ristrutturazione non influirà sulle tariffe giornaliere”, ha detto Burke.


Una risposta a “Valaris – Chapter 11-”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *